QUANDO I CAPILLARI DIVENTANO VISIBILI ED ANTIESTETICI

 

Alcuni segnali spesso sottovalutati sono indice di una compromissione della regolare circolazione ematica.

Arterie e vene  rappresentano le autostrade attraverso le quali il sangue viene distribuito in ogni distretto corporeo per raggiungere ogni tipo di cellula attraverso dei sottilissimi canali chiamati proprio per la loro sottigliezza ” capillari ” che hanno il compito di nutrirle e mantenerle in vita. Tutto questo avviene senza interruzioni temporali e senza alcuna visibilità epidermica.

 

 

Quando invece i capillari cutanei iniziano a vedersi vuol dire che qualcosa di quel perfetto meccanismo di irrorazione ematica si è alterato con risultati estetici molto spiacevoli. Il disturbo è molto diffuso anche perché molte sono le cause che possono essere imputate come innescanti. Statistiche diffuse mettono al primo posto come causa delle angectasie ( così vengono chiamati i capillari quando si evidenziano attraverso la pelle ), lo stato di gravidanza ed i legami ormonali ad essa legati, l’appesantimento del corpo con sovrappeso, le lunghe posizioni ortostatiche , la stitichezza, le non adeguate calzature, l’accavallare  le gambe in posizione seduta ed altre di minor importanza. Una relazione diretta vi è quasi sempre quando si è in presenza di problemi venosi non sempre legati ad una varicosi evidente ma anche ad una semplice predisposizione ereditaria.

 

 

Per molti anni ed ancora tanto oggi le cure effettuate sono rivolte alla distruzione di quei capillari divenuti visibili, distruzione che avviene attraverso iniezioni di sostanze sclerosanti o per mezzo di apparecchiature laser. Obiettivamente è alquanto difficile ritenere cura una tecnica che conduce alla distruzione di una struttura capillarica e la prova è proprio nel fatto che a distanza di breve tempo al posto del capillare eliminato si formeranno delle recidive composte da tanti piccoli capillari anch’essi visibili ad occhio nudo.

Se cura vuol dire riportare alla normalità qualcosa che si è alterato allora l’unica vera terapia per rimediare sia esteticamente che funzionalmente alla angectasia dei capillari è l’Ozonoterapia  Endocapillarica ideata e praticata da oltre 25 anni dal nostro medico Dr. Giuseppe Mancuso.

 

 

Possono essere trattati i capillari di qualsiasi grandezza ed in qualsiasi distretto corporeo. Un lavoro di grande manualità con risultati raggiungibili in poche  sedute.

Pesantezza, dolorabilità, gonfiori alle caviglie, ritenzione idrica, spesso accompagnano la presenza delle angectasie capillariche e l’Ozonoterapia porta alla completa scomparsa della sintomatologia  sopra elencata con miglioramenti presenti già dopo le prime sedute. A guarigione raggiunta non sono previste recidive come avviene con gli altri trattamenti e vi è assenza quasi totale di effetti collaterali dermici come la formazione di macchie cutanee spesso invece conseguenza di tecniche sclerosanti.

Le sedute vengono effettuate con cadenza settimanale  e la durata per ognuna di loro è di circa 20 minuti. Non vengono effettuati bendaggi  ne vengono consigliate calze compressive da indossare. In assenza di problematiche venose anche l’esposizione al sole viene permessa, naturalmente con cautela.

La terapia, diffusa e conosciuta già da diversi anni, ha visto l’interessamento da parte di moltissime persone molte delle quali provenienti da  esperienze negative di iniezioni sclerosanti e di terapia laser.

Molte informazioni sono anche reperibili attraverso i siti web ed i forum presenti in rete.

L’ ozonoterapia è una tecnica riconosciuta da molte casse malati complementari

Il nostro centro effettua gratuitamente una valutazione di idoneità al trattamento prenotabile attraverso il sito web www.medijeunesse.ch o telefonando alla nostra ricezione allo 091 600 07 07

 

Prenotazione consulenza

Medi Jeunesse Lugano  Corso Elvezia 9° – Lugano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *