METODO PILATES E PREPARAZIONE FISICA ALL’ATTIVITA’ SPORTIVA: BINOMIO VINCENTE?

156

www.energymwellness.ch

Cerchiamo di capire innanzitutto cosa si intende per preparazione fisica all’attività sportiva.

Per preparazione fisica all’attività sportiva si intende l’allenamento preposto a curare e gestire le qualità fisiche generali e specifiche degli atleti (o amatori) praticanti una determinata attività sportiva. I suoi obiettivi principali sono il raggiungimento della condizione fisica ideale e la prevenzione degli infortuni.

Descriviamo ora brevemente il Metodo Pilates e spieghiamo le ragioni per le quali è possibile una sua integrazione nella preparazione fisica all’attività sportiva.

Il metodo Pilates è una tecnica di recupero funzionale, ideata da Joseph Hubertus Pilates, in grado di garantire l’equilibrio posturale grazie ad una serie di esercizi che assicurano un corretto allineamento del corpo. Si basa sull’applicazione di nozioni di neurofisiologia e cinesiologia applicata ad esercizi in grado di migliorare la mobilità articolare, la flessibilità e la forza funzionale garantendo risultati funzionali ed estetici.

La prima parte della tecnica è incentrata sul Mat Work, una serie di esercizi a corpo libero eseguiti a terra su di un materassino (Mat) che Pilates codificò nella sua seconda pubblicazione del 1945 “Return to life through Contrology”.

Oltre alla sezione Mat Work esistono anche protocolli di lavoro che prevedono l’utilizzo di attrezzi da lui stesso inventati (tra i quali il Magic Circle, il Reformer e la Cadillac). Questa metodica cerca di unire le componenti fisiche occidentali a quelle mentali orientali, e si basa su sette principi cardine: concentrazione, controllo, baricentro, fluidità del movimento, precisione, respirazione e visualizzazione. Questi principi rappresentano il cuore stesso della disciplina, la quale prevede che i movimenti vengano eseguiti in maniera qualitativa e con una perfettamente coordinata e fluida realizzazione del gesto.

Il Pilates rinforza tutti i gruppi muscolari, nessuno viene trascurato, e vi è sicuramente un’attenzione particolare a tutti quei muscoli, fondamentali per la stabilità del tronco, che fanno parte della zona compresa tra le spalle e gli ischi: la cosiddetta “Power House”.

Importante sottolineare infine che lo scopo principale della tecnica è quello di rendere la persona “cosciente” del proprio corpo, cioè riuscire a percepire esattamente come il corpo si stia muovendo anche durante il più semplice degli esercizi.

La sua pratica costante consentirà di ottenere dei benefici e miglioramenti che interessano: la mobilità articolare, l’elasticità muscolo-tendinea, la flessibilità del corpo, la tonicità e la forza muscolare (con enfasi sulla muscolatura dorsale e sui muscoli considerati parte del “core”),la postura, la respirazione (miglior ossigenazione), la percezione del proprio corpo, la connessione mente-corpo , l’ottimizzazione e l’economizzazione del movimento, sviluppo armonioso di tutti i gruppi muscolari.

In definitiva il Pilates ci fornirà un corpo sano ed efficiente, primo passo per poter praticare, senza problematiche (aiuto nella prevenzione degli infortuni)e con un possibile miglioramento della performance, una qualunque attività sportiva. Queste motivazioni suggeriscono che il Pilates possa diventare un’attività complementare ottimale, inseribile all’interno di diverse programmazioni di allenamento.

Alessandro Sampietro

ENERGYM WELLNESS

Via San Gottardo 25

6943 Vezia – Lugano (CH)

TELEFONO

+41 (0)91 966 44 22

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here